Con un poco di zucchero la pillola va giù: gli eccipienti dei farmaci

Con un poco di zucchero la pillola va giù: gli eccipienti dei farmaci

Gli zuccheri non hanno un uso esclusivo nell’ambito alimentare, ma la loro versatilità permette di essere utilizzati in settori come quello farmaceutico.

Con un poco di zucchero la pillola va giù: gli eccipienti dei farmaci

Quando pensiamo ad un medicinale, il primo tipo di molecola che pensiamo è il principio attivo (paracetamolo, acido acetisalicilico, istamina, cortisone, ecc.) poiché i principi attivi determinano l’effetto di quel farmaco su di noi. Ma non solo i soli: ci sono una serie di co-protagonisti altrettanto importanti, gli eccipienti, di cui in etichetta sono ampiamente elencati, che danno forma,corpo e sapore . (nel caso di capsule, compresse e sciroppi) e non per ultimo ne modulano il rilascio Ed una buona parte di questi eccipienti sono zuccheri.

Dove troviamo gli eccipienti?

In tutti i preparati farmaceutici, incluse anche le preparazioni orali come le polveri o i granuli da sciogliere in acqua sono presenti eccipienti a base di uno o più tipi di zucchero. Il glucosio (detto anche destrosio o zucchero d’uva) è usato per soluzioni fisiologiche sia isotoniche che ipertoniche.

Ovviamente gli eccipienti a base di zuccheri non mancano nemmeno negli sciroppi, anzi: la loro alta presenza nello sciroppo non solo fornisce un sapore più gradevole, ma stabilizza lo sciroppo, dandogli resistenza alla crescita di microbi, poiché il quantitativo di zuccheri presente rende scarsa la presenza di acqua nel preparato.

Qui gli zuccheri giocano un ruolo fondamentale per rendere il principio attivo più efficace e permettere allo sciroppo di essere conservato una volta aperto senza perderne l’efficacia. Gli zuccheri più usati negli sciroppi sono il saccarosio e lo zucchero invertito (quest’ultimo è fino a tre volte più dolce del saccarosio ed è ampiamente usato anche nell'industria dolciaria e gelatiera).

Perciò, zuccheri come il mannitolo, lo xilitolo, il glucosio, il saccarosio la saccarina o l’aspartame sono tra i dolcificanti più usati per dare un buon sapore e brillantezza alle preparazioni orali ; questi stessi zuccheri nelle compresse sono aggiunti alle lacche colorate di rivestimento (gli involucri esterni delle compresse), così che se dovessero sciogliersi accidentalmente in bocca, il sapore risulterebbe comunque gradevole.

Tali zuccheri devono avere una preparazione conforme alla Farmacopea Europea (PhEur), un codice farmaceutico che individua norme comuni a tutti gli stati membri dell’Unione Europea sulla qualità dei medicinali, assicurando i medesimi parametri qualitativi per tutti i farmaci a livello europeo.

A garanzia del nostro impegno nel fornire prodotti senza compromessi
in termini di qualità, ci avvaliamo per la nostra materia prima
dei principali zuccherifici a livello mondiale.