Come fare la colomba di Pasqua senza glutine

Come fare la colomba di Pasqua senza glutine

Pasqua si avvicina e a tutti (anche ai celiaci!) spetta mangiare una buona colomba senza glutine. Come fare? Scopri la ricetta! (video)

Come fare la colomba di Pasqua senza glutine

La colomba è un tipico dolce della tradizione italiana, creato nella sua versione più celebre in Lombardia intorno al 1930 presso la fabbrica Motta prima e Vergani poi, diventato poi negli anni il simbolo della Pasqua in Italia insieme all’uovo di cioccolato.

Il suo impasto a base di farina, burro, uova, zucchero, buccia d’arancia candita e la glassatura alle mandorle, combinato con l’aroma inconfondibile di agrumi e mandorle e la consistenza soffice e morbida, ha reso la colomba un dolce amatissimo da grandi e piccoli; se grazie alle lavorazioni industriali è diventato abbastanza semplice per tutti avere sulla tavola un dolce che durante la lavorazione subisce numerose lievitazioni, gustare una fetta di colomba per chi soffre di celiachia è stato a lungo un impresa complessa.

Infatti il problema per il celiaco era doppio: non solo per la farina usata, (poiché la ricetta tradizionale prevede l’utilizzo di farina con glutine), ma anche nella glassatura, poiché per le codette di zucchero che spesso sono rinforzate con glutine per poter mantenere al meglio la forma.

Tuttavia, da qualche anno grazie ad una crescente attenzione verso il morbo celiaco, anche le industrie e le pasticcerie si sono prodigate per questi tipi di consumatori, permettendo così :

  • di poter acquistare presso le pasticcerie colombe artigianali senza glutine;
  • di poter acquistare presso supermercati e industriali nelle farmacie sia fisiche sia on line che hanno il reparto dedicato per i celiaci, colombe di Pasqua senza glutine;
  • rendendo più semplici da reperire in commercio per il consumatore farine senza glutine, così da poter permettere anche a chi soffre di celiachia di poter realizzare delle colombe fatte in casa da poter gustare senza problemi.

In questo modo, non solo pandoro e panettone ma anche la colomba è finalmente accessibile per i celiaci.

Colomba pasquale senza glutine: come riconoscerle?

Come tutti i prodotti aglutinati (ad esempio la birra), la normativa sulle colombe pasquali gluten free sono disciplinate dal regolamento europeo 41/2009 “relativo alla composizione e all’etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine”.

Sulla confezione di questi dolci ci sono due caratteristiche:

  • sulla confezione devono recare ben visibile il simbolo della spiga barrata e/o la dicitura “senza glutine”/ “gluten free”;
  • fra gli ingredienti, se c'è l'amido, deve recare la dicitura “Amido di frumento deglutinato” .

Come fare la colomba pasquale senza glutine in casa

Se ci si vuole cimentare nella realizzazione di una colomba pasquale senza glutine fatta con le proprie mani, ci sono moltissime ricette da poter seguire, con altrettante varianti; qui di seguito è riportato un tutorial che vi permetterà di realizzarla con grande soddisfazione!

Ingredienti:

Per la colomba:

300 gr di farina di riso finissima

90 gr di maizena

40 gr di fecola di patate

5 gr di gomma di xantano

10 gr di lievito di birra secco

150 gr di latte tiepido

50 gr di panna fresca

1 uovo piccolo (circa 40 gr)

2 tuorli piccoli

110 g di zucchero

25 gr di farina di mandorle

Scorza grattugiata di un arancia e un limone

70 gr di Burro fuso

Sale

Acqua

Stampo per colombe (in cartone o silicone) da 500 gr

Per la glassa:

1 albume

50 gr di zucchero semolato

50 gr di zucchero a velo senza glutine

50 gr di mandorle pelate intere

Fase 1

Dopo aver unito la farina di riso con maizena, fecola di patate e gomma di xantano, ne preleviamo 33 gr e li uniamo a 35 gr di acqua tiepida e a 4 gr di lievito di birra secco. Mescolare fino ad ottenere una pastella e farlo riposare per qualche ora.

Fase 2

Versare poi la pastella lievitata in una ciotola o nell’impastatrice, aggiungere la rimanenza della farina e mescolare insieme. Fatto ciò, aggiungere circa 25 gr di panna, circa 130 ml latte e uova. Se lo zucchero è semolato, per evitare grumi conviene scioglierne metà nel latte e metà nelle uova e mescolare insieme. Aggiungere la farina di mandorle con la scorza grattugiata di arancia e limone. Nel frattempo che il composto si amalgama, sciogliere il burro a bagnomaria e metterlo da parte. Sciogliere i restanti 6 gr di lievito nei restanti 20 ml latte tiepido, per versarlo poi poco per volta nel composto. Quando il tutto si sarà ben amalgamato, aggiungere restante la panna, il burro fuso freddo e il sale.

Fase 3

Fare impastare energicamente per una decina di minuti e nel frattempo preparare lo stampo per colombe e poggiarlo su una placca da forno. Versare l’impasto, che nel frattempo sarà diventato molto morbido, nello stampo: l’impasto non dovrà superare la metà dello stampo, poiché è un dolce che lievita molto. Stendere il composto in modo omogeneo e farlo lievitare per circa un ora o quanto meno al raddoppio delle dimensioni dell’impasto, in modo da avvicinarsi al bordo dell’impasto.

Fase 4

A questo punto in una ciotola si uniscono lo zucchero a velo, lo zucchero semolato e l’albume per creare la glassa, mescolandoli insieme. Quando avrà raggiunto la giusta consistenza, versare il tutto poco per volta sulla superficie della colomba, spennellando per raggiungere ogni punto. Accanto alla colomba, porre nella teglia una ciotola resistente alle alte temperature piena d’acqua. Preriscaldare il forno a 180 gradi e infornare la colomba con sotto un foglio di carta da forno a questa temperatura per 50-55 minuti. Se a metà cottura dovesse risultare troppo colorata, si copre la colomba con un foglio di carta alluminio. Aggiungere sulla glassa le mandorle pelate intere.

Fase 5

Una volta cotta, anche se si è usato il foglio di carta da forno, si può staccare delicatamente la colomba dalla base con uno spiedo di acciaio per metterla a testa in giù per farla raffreddare.

Se si è perso qualche passaggio, niente paura! Ecco qui il video completo:

 

L'articolo ti è piaciuto? SCOPRI CHI SIAMO

A garanzia del nostro impegno nel fornire prodotti senza compromessi
in termini di qualità, ci avvaliamo per la nostra materia prima
dei principali zuccherifici a livello mondiale.