Celiachia e qualità della vita: qual è il nesso?

Celiachia e qualità della vita: qual è il nesso?

Un recente studio condotto dalla Columbia University di New York ha analizzato quanto incida la celiachia sulla qualità della vita di chi ne è colpito. Vediamo cosa ne è emerso.

Celiachia e qualità della vita: qual è il nesso?

La vita di un soggetto affetto da celiachia, si sa, è fortemente condizionata dall’alimentazione e dalla scelta dei cibi giusti, onde evitare spiacevoli inconvenienti. Di conseguenza, si rivela necessario frequentare soltanto locali e ristoranti che propongano anche menu senza glutine e accertarsi accuratamente degli ingredienti presenti all’interno di ciascun cibo. Questo aspetto della vita dei celiaci ha interessato fortemente un team di studiosi della Columbia University di New York nell’ottica legata alla qualità della vita.

Lo studio, pubblicato su Digestive Diseases and Sciences, ha preso in analisi 80 soggetti affetti da celiachia, sia adolescenti che adulti, ai quali fosse stata effettuata una diagnosi almeno cinque anni prima. A ciascuno è stato sottoposto un questionario le cui domande vertevano principalmente sulle abitudini alimentari, sulla conoscenza della patologia e sulla consapevolezza nella scelta dei cibi.

Scopri tutti i nostri prodotti bio: dai un’occhiata al catalogo online!

Celiachia e qualità della vita: i risultati della ricerca

Da quanto è emerso dalla ricerca, 12 adulti su 50 e 7 adolescenti su 30 si dichiaravano estremamente attenti nelle loro scelte alimentari, registrando un indice di qualità della vita molto più basso rispetto agli altri intervistati. Il punto però essenziale è che essere molto attenti alla propria alimentazione non è necessariamente segno di scarsa qualità della vita: l’obiettivo degli studiosi è esattamente l’opposto.

Il team della Columbia University, infatti, sostiene che per migliorare la propria qualità della vita, essendo soggetti celiaci, è necessario rivolgersi a nutrizionisti e specialisti, in modo da diminuire il grado di stress ogniqualvolta che ci si trovi davanti alla scelta di cibi e ingedienti correlati. Con questo studio, inoltre, gli scienziati si augurano di incoraggiare lo sviluppo di tecnologie e tecniche in grado di alleviare ulteriormente i disagi dei soggetti celiaci, lasciando alla scienza il compito di assolvere alle funzioni primarie di ciascun soggetto.

Supporti tecnologici per rilevare la presenza di glutine, etichette più esaustive, corsi di cucina per celiaci e campagne di sensibilizzazione, oltre a supporto emotivo e psicologico, possono garantire una qualità della vita più alta anche per chi deve affrontare qualche difficoltà quotidiana in più.

Per informazioni sui nostri prodotti, non esitare a contattarci: clicca qui!

A garanzia del nostro impegno nel fornire prodotti senza compromessi
in termini di qualità, ci avvaliamo per la nostra materia prima
dei principali zuccherifici a livello mondiale.