Celiachia: Rappresenta un Rischio per la Gravidanza?

Celiachia: Rappresenta un Rischio per la Gravidanza?

L’intolleranza al glutine può causare rischi alla gravidanza e al concepimento? Scopriamolo insieme.

Celiachia: Rappresenta un Rischio per la Gravidanza?

La celiachia rientra tra le cause dell’infertilità femminile? Può rappresentare un rischio per la gravidanza? È possibile diminuire il rischio di contagiare il bambino? Tutto ciò che devi sapere

Ogni anno il numero di persone che soffre di celiachia è in ascesa. Solo in Italia il fenomeno coinvolge più di 20mila persone e di conseguenza molte donne in età fertile. Ed è soprattutto ai tanti dubbi delle future neomamme che questo articolo si rivolge: l’intolleranza al glutine può causare rischi alla gravidanza e al concepimento? Scopriamolo insieme.

Celiachia e genetica: è questione di eredità?

Non è la celiachia ad essere contratta, ma la predisposizione genetica al morbo. I figli di genitori celiaci infatti, hanno una possibilità piuttosto alta, intorno al 10%, di manifestare anch’essi l’insorgenza di un’intolleranza al glutine. Detto questo, ancora non sono ben noti tutti i fattori che contribuiscono alla manifestazione di questa condizione; e a dimostrarlo è il numero crescente di persone che scoprono di essere celiache in età adulta.

È bene sottolineare che quando si parla di celiachia non stiamo trattando alcuna patologia, bensì una condizione, nel senso che un celiaco, una volta eliminato il glutine dalla propria alimentazione, possiede uno stato di salute identico a chi non soffre di questa intolleranza.

(Potrebbe interessarti: Intolleranza al glutine: sintomi e rimedi)

La celiachia comporta rischi alla gravidanza?

gravidanza-e-celiachia

L’intolleranza al glutine in sé, non rappresenta alcun rischio per la fertilità, il concepimento e la gravidanza stessa. Altro discorso invece, è se si scopre di essere celiaci prima e durante la gravidanza. In questo è possibile incorrere in possibili e seri rischi. Vediamo quali:

  • Carenze di calcio, ferro e folati: il malassorbimento di queste sostanze nutritive nel periodo preconcezionale e durante la gestazione, può provocare nel nascituro problemi a livello neurale, dello sviluppo scheletrico e anemia
  • Alto rischio di nascite pretermine: questo può succedere se le donne celiache assumono glutine in gravidanza
  • Rischio triplicato di aborto spontaneo: questo accade se non si assume una dieta rigorosamente priva di glutine, durante la gravidanza. A rivelarlo è uno studio condotto dai ricercatori de Policlinico Gemelli e pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology

Celiachia e gravidanza: l’importanza dell’esame della celiachia

Da qui, la necessità di sottoporsi ad un esame specializzato nella diagnosi della celiachia, per tutte coloro che nutrono il dubbio di essere intolleranti al glutine, o che hanno parenti di primo grado celiaci. In caso di esito positivo, basta seguire scrupolosamente una dieta senza glutine. Fatto questo, se si rimane incinta, non c’è alcun bisogno di ulteriori controlli a riguardo.

Se invece la condizione è stata diagnosticata quando la gravidanza è già in corso, spetterà al medico verificare se il malassorbimento delle sostanze abbiano procurato carenze alimentari al nascituro (ferro e calcio), e se prescrivere integratori di tali sostanze. Stesso discorso, se la celiachia è stata riscontrata dopo il parto, nel puerperio o allattamento.

Come diagnosticare il morbo celiaco?

Per diagnosticare il morbo occorre seguire un iter medico ben preciso presso una struttura specialistica della regione, che comprende:

  • Analisi del sangue
  • Gastroscopia e biopsia della mucosa intestinale

In conclusione

Se si desidera una gravidanza e si hanno dei dubbi relativamente ad una possibile intolleranza al glutine, un semplice esame può dissipare qualsiasi incertezza e soprattutto proteggere la vostra vita e quella del proprio bambino.

 

A garanzia del nostro impegno nel fornire prodotti senza compromessi
in termini di qualità, ci avvaliamo per la nostra materia prima
dei principali zuccherifici a livello mondiale.