Celiachia: è una patologia invalidante?

Celiachia: è una patologia invalidante?

Molte persone affette da celiachia si chiedono se la loro condizione possa essere definita nei termini dell’invalidità. Vediamo come si sta muovendo la Legge in merito.

Celiachia: è una patologia invalidante?

La vita dei soggetti celiaci è sicuramente diversa rispetto al normale, anche se la ricerca scientifica e le nuove tecnologie alimentari consentono una certa normalità anche e soprattutto nell’alimentazione. L’attenzione da prestare alle proprie attività quotidiane, tuttavia, deve essere più accurata e controllata, tanto da indurre a una richiesta di maggiore tutela anche da parte delle istituzioni.

Sono molti infatti, tra celiaci e familiari, ma anche soggetti affetti dal Morbo di Crohn, a richiedere l’inserimento di questa particolare patologia nell’elenco preposto dalla Legge 104 e dai decreti affini. Le cure e le terapie da effettuare, infatti, possono talvolta rivelarsi molto dispendiose per i pazienti, che reclamano sostegno e supporto da parte dello Stato.

Prodotti biologici e di alta qualità? Consulta il nostro catalogo online!

Celiachia: è una patologia invalidante?

Circa due anni fa, il 12 gennaio 2016, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale un Decreto del Presidente del Consiglio sulla “Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza”, con l’inserimento della Celiachia tra le patologie dell’ “Elenco malattie e condizioni croniche invalidanti”. Il codice di riferimento per la celiachia individuato nell’elenco è 059, sotto la denominazione di “malattia celiaca”. L’Allegato 8, relativo a questo gruppo di patologie, comprende anche l’epilessia, il già citato morbo di Crohn, l’asma bronchiale e il diabete mellito.

La norma attualmente in vigore prevede l’Esenzione dal Ticket per i soggetti in questione, vale a dire l’esenzione dalla quota di partecipazione per tutte le procedure ambulatoriali dedicate al caso e il monitoraggio della patologia. Tuttavia, se controllata a dovere, la celiachia non costituisce un problema tale da poter muovere richiesta d’invalidità totale, per quanto invalidante sotto alcuni aspetti. L’inserimento nell’elenco sopracitato è relativo al trattamento sanitario, ma non alla condizione totale dell’individuo che di fatto non può essere definito invalido.

Per maggiori informazioni sulle nostre attività e sui nostri prodotti, contattaci subito!

A garanzia del nostro impegno nel fornire prodotti senza compromessi
in termini di qualità, ci avvaliamo per la nostra materia prima
dei principali zuccherifici a livello mondiale.